Lucio Dalla, la musica bella

Pubblicato: 1 marzo 2012 in musica
Tag:

tanto un giorno dovrà finire
e poi, all’eterno ci ho già pensato
è eterno anche un minuto, ogni bacio ricevuto
dalla gente che ho amato.

Di sicuro la sua era la musica bella.
Oggi è morto Lucio Dalla: 4 marzo 1943 – 1 marzo 2012.
So che non sono l’unica, ma anche a me resta un rimpianto. Quello di non averci parlato che per pochi minuti. Proprio qualche giorno fa pensavo che avrei voluto richiamarlo, perché quando l’avevo intervistato avevo chiuso il discorso troppo presto. Mi aveva messo in una specie di soggezione, non perché si desse delle arie, ma perché mi aveva affascinato con la sua voce e non riuscivo a fargli le domande.
L’ho chiamato al cellulare e Marco me l’ha passato. Avevo accettato di intervistarlo per un giornale con tante pretese e poco futuro, che di lì a poco avrebbe chiuso i battenti. Il mio progetto era: lo chiamo, ci faccio due chiacchiere e poi gli propongo di incontrarci a Urbino per un’intervista più lunga. Era marzo, o forse aprile del 2005.
Invece al suo “Buongiorno” ho perso lucidità. L’ha detto come se mi conoscesse già, con la voce che somigliava a un abbraccio sereno. E mi ha fatto cambiare programma senza volerlo. Ho esordito con qualcosa del tipo: volevo fare una chiacchierata con lei sulla città di Urbino, su come la vede e come la vive. Ha cominciato a raccontare e io mi sono distratta dietro alla melodia del suo discorso, facendo una fatica terribile a prendere appunti. Il testo dell’intervista l’ho perso tra un trasloco e l’altro. Mi ricordo però che a un certo punto mi ha parlato di Caruso. E poi di Attenti al lupo. Mi ha raccontato che la musica di questa canzone l’aveva trovata ascoltando i suoi passi mentre camminava nel bosco di Schieti e mi sono immaginata quell’omino piccolo così che andava di buona lena nella penombra, tra gli alberi, con un bastone in mano, calpestando le foglie secche. Poi ci ho ripensato spesso: la musica sta dappertutto, quelli grandi come lui la sanno trovare e poi ce la fanno ascoltare.
Alla fine di questo suo racconto ho avuto fretta di chiudere l’intervista. Mi sembrava che una parola in più, un’altra sola domanda, potessero smontare tutto, che poi non avrei più saputo raccontare quell’atmosfera. Ho detto che mi bastava e lui mi ha domandato. “Tutto qui?”. “Sì, è moltissimo”. Poi mi sono pentita. E di recente mi era tornata la voglia di ascoltare di nuovo quella voce che, come ha scritto oggi Ligabue, naturalmente era così piena di musica che tante volte era costretto a inventare linguaggi e suoni perché la lingua italiana non gli bastava.
Dicono che alla fine la sua qualità artistica avesse ceduto un po’. Non lo so. Per me era uno che comunque stava già nella storia, perchè ce lo aveva messo la gente: tutte qelle persone che in tanti anni hanno scandito i loro attimi con i suoi ritmi e hanno vestito i loro pensieri con le sue parole.
…e a me non dava fastidio che portasse il parrucchino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...